Crediti

Il progetto “Isola di Mon” nacque nel giugno 2000 da un’idea di Turst, dai codici di Dado e dal lavoro della Redazione di Mon. Nonostante vari cambiamenti nella Redazione stessa, tra cui l’avvicendamento prima di Dado e poi di Turst, il progetto ha continuato progressivamente a crescere. Ospitato inizialmente da gioco.net e successivamente dal portale Gamesnet.it, a partire da dicembre 2004 l’ “Isola di Mon” è stato trasferito su un host dedicato, inserendolo nel progetto O.G.R.E., ideato e realizzato dagli stessi membri della Redazione . Il progetto fu interrotto nel 2011 per scarsa utenza e poco tempo disponibile per i gestori.

Coinvolti dall’entusiasmo di alcuni giocatori, l’Isola di Mon è stata di recente riaperta dallo stesso team su un nuovo server. Molti dei giocatori più assidui son tornati entusiasti; grazie alla loro bravura, maturata con gli anni, è stato possibile creare una nuova tessitura sociale senza aggravare il lavoro della nuova squadra Master. Per tale occasione il codice (proprietario) è stato ripulito ed adattato alle ultime versioni di PHP.

Redazione di Mon
Oberon – Progettista
Shonte – Programmatore

Collaboratori
Si ringrazia Yuri per la realizzazione della nuova interfaccia responsive, Elora per la realizzazione della consolidata grafica del gioco, e tutti coloro che, seppur non menzionati, hanno contribuito o contribuiscono allo sviluppo del progetto. Un ringraziamento particolare a tutti i giocatori che hanno aiutato a produrre gioco, facendosi carico della gestione di un Master ed a tutti coloro che hanno contribuito alla stesura della nuova ambientazione.
Si ringrazia infine l’utenza che, nonostante vari problemi, ha sempre contribuito trasmettendo l’entusiamo per andare avanti, proponendo, criticando, ma soprattutto giocando!!

Storia del Progetto:
“L’Isola di Mon” nasce sull’orma di città virtuali già presenti e nate da pochi anni, ma con l’obbiettivo di offrire all’utenza un prodotto più completo e si contraddistingue da subito per diverse soluzioni innovative rispetto alle alternative già presenti, tipo il sistema Locazionale Discreto a chat, l’uso di bacheche e messaggi privati, anche se presentava un’ambientazione decisamente approssimativa.
La scelta di aprire un Test a troppe persone portò, in breve tempo, diversi problemi a livello di gestione, ma permise ad un largo numero di giocatori (tra cui le persone che compongono l’attuale Staff) di conoscere questo progetto. Problemi di server ed all’interno della Redazione portarono all’avvicendamento, in tempi e modi diversi, di entrambi gli ideatori del Progetto e al trasferimento sui server menzionati.
Il nuovo Staff ha portato al progetto nuova vita, idee ed entusiasmo. Il codice è stato totalmente riscritto o corretto e vi sono state numerose implementazioni (tra le più importanti ci sono le classi, i lavori e gli oggetti) ed è stato promosso il Gioco di Ruolo con l’istituzione di un gruppo di Game Master a cui è stata affidata la gestione del gioco con quest che coinvolgono tutta la comunità o, in modo casuale, i singoli personaggi.
L’ambientazione è stata scritta da capo (lavoro che tuttora va avanti) ridonandole solide basi, originalità e coerenza.
Dopo la riapertura il progetto continua a crescere, sono in programma nuove implementazioni tra cui l’ottimizzazione della grafica per nuove risoluzioni, la realizzazione di sottoclassi ed un sistema più snello di gestione delle abilità generali che aiuti giocatori e master ad aggiungere una semiautomazione nel risolvere azioni diverse dal combattimento.

Tecnologia:
Mon, essendo un’evoluzione di una Città Virtuale, ha adottato fin dall’inizio come unico client un browser grafico.
Man mano la passione dei membri dello staff per gli RPG cartacei ha portato ad adottare diverse scelte di ambientazione e tecniche. L’esperienza maturata nel corso del tempo, sia tecnica, sia gestionale, ha reso evidente la necessità di un maggiore controllo sulle azioni che inizialmente, come in tutte le città virtuali, erano affidate alla descrizione e buon senso dei giocatori. Non vi è nessun client da installare da parte dell’utente, ciò rende Mon giocabile da qualsiasi sistema operativo dotato di connessione alla rete e con un browser grafico che supporti javascript e cookies, indipendentemente dal Sistema Operativo, librerie installate, hardware della macchina.
Il codice fu inizialmente scritto da Dado in PHP 3, non utilizzava sessioni ma conservava i dati di login in 2 cookie. Decidendo poi di abbandonare il progetto per incompatibilità con l’altro fondatore Turst, la gestione dei codici passò a Shonte.
Passando sul server offerto da GamesNet, il codice fu quasi totalmente riscritto in PHP 4, spostando e scrivendo diverse funzioni per rendere più semplice la modifica del codice, implementando diverse modifiche (tra le quali gestione classi, livelli e oggetti), snellendo il codice e utilizzando delle sessioni al posto dei cookie. Nel 2007 venne realizzata una nuova veste grafica, per l’occasione molte pagine sono state riscritte per utilizzare l’aggiornamento asincrono offerto da AJAX. Dopo la riapertura i codici sono stati adattati per essere compatibili con la versione 5.6 di PHP.

COPYRIGHTS

Le immagini sono state realizzate da collaboratori o reperite dal web e poi manipolate. I proprietari degli originali, qualora si ritenessero offesi, potranno chiederne la rimozione immediata. L’Isola di Mon non ha alcun diritto su queste.
Questo gioco non è stato creato a scopo di lucro. L’ambientazione è originale, fatta eccezione per alcuni riferimenti a nomi facenti ormai parte della cultura fantasy classica (es. razze come Elfi, caratterizzate in ogni caso dalla nostra ambientazione), senza l’intenzione di infrangere eventuali copyright.
I contenuti citati e/o di cui si fa riferimento in questo sito sono e rimangono dei rispettivi autori ed editori. Eventuali lamentele o Contestazioni sulla violazione del Copyright potranno essere indirizzate a isoladimon@gmail.com.  Nel caso in cui i possessori del Copyright lo richiedessero, il/i Gestore/i si dichiarano propensi ad eliminare qualunque immagine e/o riferimento contestato.