Regole del buon gioco

1) Mon è un gioco di ruolo questo implica che, una volta scelto il vostro personaggio, interpretiate con coerenza le scelte fatte a cominciare dalla razza e dalla fede del vostro personaggio. Pensate quindi attentamente a cosa vi sentite in grado di interpretare. Se avete dei dubbi scegliete di fare l’umano, avrete, nel caso, tempo di crearvi un altro personaggio più complesso dopo aver familiarizzato con il gioco e aver cancellato il precedente.

2) Nella scelta del background del vostro personaggio evitate di inserire cose che non hanno nulla a che fare con l’ambientazione. Evitate anche di essere eccessivamente prolissi e complessi, è preferibile una storia breve e chiara a milioni di pagine che vi costringerebbero a un’interpretazione chiusa su binari e che obbliga i master a rivedere costantemente il vostro background per verificare che siate coerenti nell’interpretazione.

3) Siete tenuti a descrivere tutte le azioni del vostro personaggio, compresi i cambi di locazione e le descrizioni durante il lavoro nel bosco. Premere il pulsante non è sufficiente, Mon è un gioco di ruolo non un adventure punta e clicca.

4) Il discorso è maggiormente valido nei combattimenti; siete tenuti, per rispetto alle persone che giocano con voi e ai master, ad attendere un qualche tipo di reazione considerando che ci sono sì armi che hanno velocità diverse ma anche che una spada ha un allungo maggiore di un pugnale e che l’arco, per esempio, non è un’arma da mischia.
Quando si combatte e si attacca la cosa migliore è descrivere un’azione che spiega che tipo di attacco tentate di compiere, poi usare il comando per attaccare, ed infine descrivere l’esito dell’attacco. Qando si riceve un attacco bisogna descrivere le reazioni all’attacco dell’avversario.

5) Siete tenuti a valutare l’ambiente in cui vi trovate compresi agenti atmosferici vari, temperatura e stagione. Arrampicarsi su un albero a dicembre e pretendere di essere nascosti è quantomeno ridicolo così come fare il bagno nel fiume a gennaio magari in armatura.

6) Quando vi spostate di locazione e trovate altri personaggi prendetevi il tempo di capire cosa succede prima di cominciare con le descrizioni a raffica. Descrivete sempre come prima cosa il vostro arrivo, in modo chiaro e possibilmente non troppo prolisso evitando di inserire elementi che possono essere a discrezione del master. Ad esempio se fa freddo evitate di descrivere vento o altro piuttosto descrivete che il personaggio rabbrividisce dal freddo o per la bassa temperatura.

7) Se vi trovate in una locazione aspettate a descrivere che “vedete” qualcuno solo perché appare la scritta verde. Attendete che il personaggio in questione descriva la propria azione e poi, nel caso rispondete con la vostra.

8) Lo stesso discorso vale per le giocate con molti personaggi. E’ assolutamente inutile fare la corsa a chi scrive prima usando decine di frasi composte esclusivamente da: soggetto, complemento, oggetto. Aspettate di capire cosa accade e scrivete una frase che possa riassumere una risposta “generica e generale” alla situazione. Soprattutto date a tutti il tempo di fare altrettanto.

9) Evitate nomi lunghi e troppo complessi, questo crea difficoltà ai master per l’assegnazione dei px soprattutto quando ci sono troppi personaggi nella stessa locazione. Al contempo evitate nomi di personaggi famosi e soprattutto evitate di interpretarli come se foste “quel” personaggio famoso.

10) Il cattivo gioco altrui non vi autorizza a fare altrettanto.

11) Leggete sempre e con attenzione il regolamento di gioco e di comportamento. Rileggetelo ogni tanto, di certo avete dimenticato qualcosa.

12) Non dimenticate mai che Mon è un gioco. Screzi tra persone devono essere tenuti al di fuori di quello che vuole essere un ambiente dove divertirsi. Voi non siete il vostro personaggio e le persone che giocano con voi non sono i loro personaggi. Confondere il gioco con la vita è indice di qualche problematica che va risolta al di fuori di questo ambiente.